Semplifica

Banale parlarne, vero?

Semplifica

Apparentemente e’ facile, potrebbe essere addirittura scontato parlarne ma, non sempre ci rendiamo conto di quanto siamo complicati e di che sforzo sia necessario per  semplificare.

Per esempio:  quante scarpe, abiti, maglie, che non metti più da tempo, hai nell’armadio e le conservi  gelosamente ? Se fai una ricerca scoprirai cose che non ti ricordavi più di avere.

Bisogna imparare a gettare o lasciare andare il superfluo, è proprio questo che accresciutosi a dismisura è diventato pesante e di intralcio.

 

La semplicità è la necessità di distinguere sempre, ogni giorno, l’essenziale dal superfluo.

 

Normalmente ci si lascia confondere, attirare, spingere, in ogni scelta o decisione, dal fatto che esistono mille opzioni, mille possibilità, pronte a soddisfare i  nostri desideri e ambizioni.

Non si considerano le conseguenze di tali scelte che spesso comportano una serie di incombenze, più o meno nascoste che ci legano, ci imprigionano, ci obbligano a sostenere nel futuro, appesantendoci.

 Possono essere pensieri, preoccupazioni, pagamenti di rate per ogni cosa, impegni, scadenze, vincoli.

 

La semplicità è complicata da raggiungere, perché è la cosa più facile da non capire.

 

Semplificare, nelle azioni materiali e comportamentali comporta un semplificazione interiore.

Non è necessario abbandonare completamente ogni forma di ambizione a migliorare ma, è necessario chiedersi se il “miglioramento” è reale, utile, se ci facilita l’esistenza, se ci alleggerisce.

Nel caso  avessimo dei dubbi è meglio evitarlo o scegliere la soluzione più semplice, spesso coincide con quella più economica, anche se non necessariamente, a volte le cose più semplici sono più costose ma, lasciano liberi.

FIRMA(29).jpg

foto di wired.it

 

Sobrietà in pratica

non è la povertà ma la scelta di eliminare il superfluo